ARTIST

L'artista deve essere il mezzo, non il fine dell'arte: un ambasciatore di principi più alti di lui

 

"Non ricerco uno stile artistico per scioccare o per compiacere il pubblico con la mia visione soggettiva del mondo. Ricerco un linguaggio per esprimere verità universali che non possono essere comunicate con le parole" E.M.


Enrico magnani è un artista italiano che si muove da anni in un panorama internazionale. La sua prima esposizione si è tenuta a Milano nel Novembre 1997. Fino al 2006 ha lavorato come pittore figurativo e dopo un periodo di transizione è diventato un artista esclusivamente astratto. Le sue originali opere astratte lo hanno rapidamente portato all’attenzione internazionale e sono state presentate in musei, fondazioni, gallerie private e istituzioni pubbliche in Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Francia, Germania, Inghilterra, Italia, Città del Vaticano e Stati Uniti.

Approdato definitivamente all’arte dopo un eclettico percorso che lo ha visto per anni anche ricercatore scientifico nella fusione nucleare, ad un certo punto della sua carriera Magnani ha sentito l’esigenza di servirsi dell’arte per poter procedere in quei sentieri angusti della conoscenza dove la speculazione puramente razionale non basta, ed è quindi necessario attingere anche all’emozione, a quell’intuizione non irrazionale, ma “diversamente razionale” che solo l’arte, a un certo livello di sviluppo, permette di esprimere.

"Attingendo alle più antiche tradizioni spirituali dell’oriente e dell’occidente, Enrico Magnani, con le sue opere, mette in scena il contrasto interiore dell’uomo tra corpo e anima, tra materia e spirito, tra sacro e profano. Il mondo imperfetto della materia e il mondo perfetto delle idee coabitano nell’essere umano. L’io è corpo ed egoismo mentre l’anima è universale ed altruista. Un percorso millenario attraverso una rielaborazione artistica delle tradizioni che hanno cercato di avvicinare ed integrare la materia e lo spirito per arrivare a comprendere meglio l’uomo e il suo ruolo nell’universo." 

(Guido Folco)

ENG    FRA    GER